lunedì 7 aprile 2014

. A fior di labbra, a fior di pelle .


A fior di labbra, a fior di pelle

Petali rosa, schiusi e delicati,
da piccoli morsetti torturati,
la pelle stan per accarezzare …
poi si fermano. Fan sospirare.


Si lasciano sfuggire un respiro
che increspa la pelle. Sospiro.
Malizioso è il sorriso apparso
notando il desiderio già arso.


Giocoso si fa il movimento
stuzzicante come il vento …
umido e veloce è il contatto
che rende il pensiero matto.


Piccoli tocchi verso la follia,
increspata di brividi è la via
tracciata da morbidi contatti
ma bollenti per come son fatti.



L’intento è di far  impazzire.
Dove andran le labbra a finire?
Al desiderio lasceranno solo la traccia
o si concederanno finche appagato non taccia?



2 commenti:

  1. Non permettere che la tristezza ti faccia perdere la bellezza della vita.

    http://youtu.be/aI3yNckfSvU

    RispondiElimina
  2. Perchè dovrei essere triste?

    RispondiElimina